Consegna attestati IPSSEOA Otranto

_DSC0596_Fotor

E’ giunta a termine l’esperienza di Ambasciatori del Gusto dell’IPSSEOA Otranto: gli studenti ed i professori hanno ricevuto gli attestati di partecipazione del progetto personalmente dal presidente della Camera di Commercio italiana, Leonardo Simonelli Santi,
presso il ristorante Fratelli la Bufala di Piccadilly Circus.

Ambasciatori del Gusto ha dato agli studenti la possibilita’ non solo di migliorare la padronanza della lingua inglese, ma soprattutto di interagire con culture diverse ed entrare in contatto con nuovi ed innovative metodi di lavoro.
I professori si ritengono soddisfatti dell’esperienza, dispiaciuti pero’ della sua breve durata: “Purtroppo due settimane passano troppo velocemente”, ci spiega il professor Pagliara, “nel momento in cui gli studenti si abituano all’ambiente ed ai ritmi del ristorante, è gia’ ora di ripartire, mentre resteremmo ben volentieri per almeno un’altra settimana”.

La prima fase del progetto si conclude quindi con i meravigliosi sapori Salentini.
I nostri Ambasciatori riprenderanno a promuovere le tradizioni locali italiane tra un mese esatto, il 1 settembre 2014, con l’arrivo dell’Istituto di Istruzione Superiore “Di Poppa – Rozza” di Teramo.

 

Otranto’s experience at Ambasciatori del Gusto has come to the end: the students and teachers were personally given their certificates by Leonardo Simonelli Santi, President of the Italian Chamber of Commerce for UK.
Ambasciatori del Gusto gave the students not only the chance to improve their language skills, but more important to get in touch with new cultures and working methods. The teachers are well-satisfied with the experience but are sorry about the short of the project: “Two weeks go by too fast”, says Mr Pagliara, “as soon as the students get used to the new environment and working pace it’s already time to leave” – “we would love to stay longer, even just for another week”.

The first stage of the Ambasciatori del Gusto project ends with all these delicious treats from the beautiful Salento: traditional Italian cuisine will be back in just a month, on the 1st of September, welcoming “Di Poppa – Rozza” High School from Teramo.

Exclusive dinner this Tuesday!

Gli studenti ed i professori di Otranto continuano l’esperienza di Ambasciatori del Gusto presso il ristorante “Fratelli la Bufala” di Piccadilly, proponendo tanti deliziosi piatti a base di pasta, pesce e verdure fresche.
Questa settimana preparatevi a gustare le specialità Salentine
ogni giorno a pranzo dal lunedì al venerdì (12pm – 3pm)
ed in esclusiva solo per questo martedì anche a cena (7pm – 10pm).

Otranto’s experience at Ambasciatori del Gusto goes on and this week you can enjoy even more mouth-watering pasta, fish and fresh vegetables.
Get ready to taste delicious Salento’s specialties
everyday at lunch from Monday to Friday (12pm – 3pm)
and for this Tuesday only also at dinner (7pm – 10pm).

_DSC0329

I professori dell’IPSSEOA di Otranto

Untitled-1
Direttamente dalla meravigliosa penisola Salentina, è iniziata l’esperienza di Ambasciatori del Gusto per l’istituto Professionale Statale di Otranto: I professori e gli studenti di Otranto hanno portato un po’ di mare e di estate a Londra. I menù proposti vedono come protagonista il pesce, alimento base della cucina salentina, ricca di sapori e tradizioni. I professori Giuseppe Foscarini e Salvatore Pagliara ci hanno raccontato come sia nata la loro passione per la cucina, per l’insegnamento e per il settore turistico-alimentare in generale, campo in grande espansione negli ultimi anni, soprattutto per quanto riguarda la penisola salentina.
Salvatore Pagliara ci spiega come il ‘boom’ del settore agroalimentare abbia riguardato in particolare gli agriturismi a conduzione familiare di origini contadine, le quali, restando a passo coi tempi, sono riuscite a convertire le proprie coltivazioni in nuove e adeguate strutture pronte ad accogliere sempre piu turisti. Pagliara ci racconta come dopo essersi diplomato presso l’Istituto Alberghiero, abbia lasciato il paese natale per girare l’Italia ed entrare in contatto con diverse culture, tradizioni e metodi di lavoro: “Lavorare in questo settore permette di conoscere certi ambienti e di vivere certe esperienze altrimenti impossibili”. Dopo due anni in giro per l’Italia nasce invece il desiderio di insegnare, visto come un’ ulteriore esperienza e sfida personale.
Anche per Giuseppe Foscarini l’esperienza di insegnamento è stata vissuta come una vera e propria sfida personale, come un modo per mettersi in discussione quotidianamente con gli studenti e come una ricerca continua di nuove strategie ed idee culinarie da mettere in pratica con I propri allievi. Riguardo al rapporto con gli studenti, Foscarini ci racconta quanto sia importante che questi siano coinvolti in ogni aspetto piu particolare della vita in cucina e del settore alberghiero in generale, e di quanto sia essenziale cercare di stimolare nel migliore dei modi I ragazzi e scoprire le loro passioni e capacità. L’ingrediente preferito in cucina? “Amo cucinare il pesce in ogni sua forma, ma non posso rinunciare ai dolci ed alla pasticceria”. L’istituto alberghiero di Otranto sta facendo un ottimo lavoro facendo inorgoglire il preside Luigi Martano. Un grande plauso va dunque ai ragazzi: Elena Tremolizzo, Antonio Michele Mancarella, Alessia De Matteis, Cristiano Negro, Anna Rita Manfredi, Luana Serra, Christian Schito, Roberta Chirilli, Deborah Di Donfrancesco.

Per le foto si ringrazia Erika Natella.

Otranto, the “East Gate”

otranto-centro-6

Otranto, chiamata anche ‘Porta d’Oriente’, si affaccia nello stretto che prende il suo stesso nome, il Canale d’Otranto, situato a sud dell’Adriatico, nel punto più orientale d’Italia.
Anticamente capoluogo della terra, ancora oggi conserva l’aspetto caratteristico delle antiche città commerciali che si affacciavano sul Mediterraneo.
Si mostra ai numerosi visitatori che affollano le sue coste ed il centro storico ogni anno, solare e con il suo fascino orientale. Nelle giornate più limpide è possibile intravedere le montagne dell’Albania .
A testimoniare l’incubo delle invasioni dei Turchi sono rimaste le due torri medievali di avvistamento. Il centro storico della città è rimasto intatto nonostante la grande espansione edilizia.
Otranto si presenta ai suoi visitatori con la Cattedrale, terminata e aperta al culto nel 1088, con la sua notevole dimensione, è da ritenersi la Chiesa più grande della Puglia, di incomparabile valore è il mosaico pavimentale eseguito da un monaco, conserva i resti degli 800 martiri uccisi dai Turchi.
Otranto è anche il Castello Aragonese, con le torri, i bastioni e le mura.
Il borgo antico, con le strade fatte in pietra viva, strette e che si snodano a serpentina tra le case, il porto che ha sempre avuto un’importanza notevole per gli scambi con l’Oriente e infine, ma non meno importante, il mare cristallino e limpido, ricco di dune, anfratti, grotte e insenature, che insieme alla presenza dei Laghi Alimini, rendono questa cittadina veramente incantevole, da innamorarsene a prima vista.

Otranto is a historic seaside town and port on the Adriatic coast of southern Italy, within the area known as the Salento, the tip of the peninsula which is the heel of Italy’s boot. It’s a small place with a lovely holiday atmosphere, and makes a good destination for a day trip or a longer stay. The picture-perfect blue waters, white buildings and diving rocks make Otranto the frequent cover star of maps, books and articles about Puglia.
Otranto has been for centuries Salento’s cultural, political and economic center, considered since ancient times a natural bridge between the Mediterranean sea and the East, Otranto still preserves traces of the melting pot of different cultures.
The town is in the province of Lecce, and is close to the easternmost point of Italy. On a clear day it is possible to see over the Strait of Otranto to Albania.
Like much of Puglia, Otranto has a colourful and mixed past. It was important as a Greek and then Roman port, called Hydruntum. Later it was ruled by the Byzantines, the Normans and the Aragonese. In 1480 the town was invaded by Turks, and 800 locals were executed for refusing to convert to Islam. The bones and skulls of the martyrs of Otranto are now stacked behind glass in the cathedral in a manner that would have satisfied Walpole’s Gothic imagination.

Unspoilt Salento

Otranto

La penisola Salentina nel sud della Puglia è il ‘tacco’ d’Italia.
In Salento si trovano alcune delle città più belle d’Italia: Gallipoli, Otranto, Lecce e Leuca.
Anche tanti piccoli centri tra le gemme del Salento come Specchia, Carpignano Salentino, Corigliano d’Otranto e Martano assolutamente da visitare per riscoprire i magnifici centri storici gelosamente custoditi.
Tutte queste città conservano i forti legami storici del Salento con la Grecia: il dialetto locale ‘Grika’, la gastronomia, la cultura e la religione hanno evidenti radici nella cultura Ellenica, la quale viene ancora celebrata con feste, fiere e molto altro.
L’entroterra salentino gioca un ruolo fondamentale nell’agricolutra italiana, producendo enormi quantità di olio d’oliva e di vini d’eccellenza. Per quanto riguarda il turismo, l’attrazione principale è rappresentata dalle numerose città costiere e dalle meravigliose spiagge.

The Salento Peninsula in southern Puglia is the heel of Italy’s boot.
Salento is home to some of Italy’s loveliest towns and cities: the sea-front fortified gems of Gallipoli and Otranto, the baroque sophistication of Lecce and the luxurious seaside Liberty pleasures of Leuca.
But  Salento is also full with small sleepy towns that are off the tourist trail but greatly worth visiting for their unspoilt historic centres. Examples include Specchia and the so-called Greek towns of Calimera, Carpignano Salentino, Castrignano dei Greci, Corigliano d’Otranto, Cutrofiano, Martano, Martignano, Melpignano, Soleto, Sternatia and Zollino.
These towns preserve Salento’s strong historic ties with Greece, dating back thousands of years. The local dialect, ‘Grika’, and many of the area’s gastronomic, cultural and religious traditions have evident Hellenic roots which are celebrated with frequent festivals, including the hugely popular and energetic Notte della Taranta.
Salento’s hinterland plays a fundamental role in Italy’s agricultural economy, producing enormous quantities of excellent olive oil and full-bodied, robust wines, the long and varied coastline, however, that is the major attraction for the area’s tourist industry. Home to some of Italy’s loveliest beaches and most dramatic rocky coastline, the Salento is a haven for sea lovers.

IPSSEOA Otranto

logo_otranto

L’Istituto Professionale Statale Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera nasce per volontà del comune di Otranto nel 1976, come sede coordinata, con il corso di Sala Bar.
Il numero delle classi va via via aumentando per cui vengono istituiti i corsi di “Addetto ai Servizi Alberghieri di Cucina” e “Addetto ai servizi alberghieri di Segreteria e amministrazione d’Albergo”.
In seguito si ottiene l’istituzione dei corsi di qualifica di “Addetto agli Uffici turistici” e quello di “Operatore turistico” per il post-qualifica.
Nell’anno scolastico 1988-89 l’Istituto, con Decreto Istitutivo del Presidente della Repubblica,  ottiene l’autonomia.
La scuola si collega sempre di più al mondo esterno con l’adesione all’Associazione Europea delle Scuole alberghiere e del turismo (AETH) e la partecipazione, spesso con successi apprezzabili, a competizioni di rilievo nazionale ed internazionale.
Grazie agli interventi del Fondo Sociale Europeo, l’Istituto realizza negli anni percorsi di stages formativi presso aziende di rilievo nel Settore Turistico-Alberghiero.
La preparazione e la formazione professionale che gli allievi ricevono permette loro di entrare subito nel mondo del lavoro.
Attualmente l’Istituto sta vivendo un momento di grande innovazione, in cui si prefigura una scuola flessibile e aperta alle esigenze del territorio e del mercato. Tale sviluppo prevede l’abbandono di una concezione burocratica dell’istruzione per un modello decentrato in cui l’Istituzione Educativa sia parte attiva nei processi di trasformazione sociale e del lavoro.
L’identificazione di nuove figure professionali, la preparazione dei rispettivi curricoli e la formazione di personale qualificato necessitano di forme di raccordo e di confronto sia con le Agenzie di Formazione che operano nel Settore dei Servizi della Ristorazione e del Turismo, sia con le Forze Istituzionali.

Ready to welcome Otranto’s High school

Ambasciatori del gusto è pronta a dare il benvenuto alla cucina Salentina!
Direttamente dalla Puglia, dalla meravigliosa penisola Salentina, gli studenti dell‘Istituto Professionale Statale Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera di Otranto sono i nuovi Ambasciatori del Gusto a Londra, pronti a due intense settimane durante le quali potrete riscoprire i sapori e le tradizioni pugliesi.

Ambasciatori del Gusto is ready to welcome Pugliese Cuisine!
Straight from the heart of the beautiful Salento peninsula, the students’ of the ‘Istituto Professionale Statale Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera’ from Otranto will let you discover their specialities from Puglia.
Have a look at the menu of the first week!

Flyer1_General2